Posted on

PREMIO LETTERARIO “CITTA’ DI MONTEFIORINO”2018

Ecco gli attesissimi nomi dei vincitori dell’edizione 2018

 

Sez. A – Romanzo inedito
Primo romanzo classificato:
“Il ritrattista” di Agnese MarchiSecondo romanzo classificato, a pari merito:
“Misteri solubili” di Sergio Caldaretti
“La casa dove tornare” di Laura Casadei
“Bella mia, Stefano te lo ricordi?” di Domenico Romano Mantovani

Terzo romanzo classificato, a pari merito:
“Creatura del mare” di Rina Bontempi
“La freccia purpurea” di Paolo Delpino
“Non si maltrattano i bambini” di Ornella Fiorentini

 

Sez. B – Raccolta di racconti inediti
Prima raccolta classificata:
“Vuoti a rendere” di Marina Martelli

Seconda raccolta classificata,
a pari merito:
“Una storia come tante e tante altre storie” di Maurizio Brescia
“Delitto in vetrina (e altri racconti)” di Paolo Delmastro

Terza raccolta classificata,
a pari merito:
“L’anima bella del cane” di Gabriele Astolfi
“Alcuni miei amici” di Paolo Borsoni
“Alba sul mare” di Luigi Ciambezi

 

Sez. C – Silloge di poesie inedite
Prima silloge classificata:
“Quello che resta dopo le parole” di Daniela Sandrolini

Seconda silloge classificata, a pari merito:
“Simulacro di speranza” di Nunzia Dimarsico
“L’io è una domanda” di Franco Casadei
“Un tocco di cielo” di Gabriella Picerno

Terza silloge classificata, a pari merito:
“Parole” di Stefano Baldinu
“Con i miei versi” di Giovanni Tavcar
“Fiore di campo” di Daniela Rossi

 

Sez. D – Premio speciale “Giovani Voci narranti”: “Noi siamo cittadini di…”
Sezione riservata agli studenti delle province di Modena e Reggio Emilia

Primi classificati: alunni II A della Scuola Secondaria di Primo Grado di Pievepelago

Menzione speciale della giuria per l’impegno a favore dell’integrazione e contro il bullismo:
alunni IE e IF della Scuola Secondaria di Primo Grado di Roteglia

 

Complimenti a tutti!

La premiazione si terrà sabato 28 luglio dalle 17.30 Montefiorino (MO)

 

Posted on

VIENE IL GIORNO E VIENE ANCHE LA NOTTE

Tre grandi temi animano le pagine del romanzo: la natura, il male e Dio. Tutto ha inizio nel 1613, quando la famiglia Ferrarini, con il suo capostipite Battista, scopre un territorio disabitato, fra l’Emilia e la Toscana: la valle delle Tagliole.
Sullo sfondo di quattro secoli di storia, si staglia una montagna dalla forma particolare, la Bella Addormentata, riferimento solido e imponente nel passaggio da una generazione all’altra. “A Domenico sembrava di scorgere i lineamenti del viso di una donna vista di profilo. Poi, in modo da farsi sentire dalla madre, disse: Voglio rimanere per sempre in questa terra”.
L’amore per la propria valle è grande nel cuore dei personaggi del libro, tanto da far loro credere che essere traditi dagli uomini sia normale, ma essere traditi dalla propria terra sia insopportabile. I paesaggi montani, descritti dall’autore più con l’anima che con la penna, sono luoghi pieni di poesia, pur diventando spesso nemici contro cui lottare per sopravvivere: “La valanga si staccò improvvisa, repentina e con un cupo rumore”.
La lotta è anche contro il male, quello causato dagli uomini: “Pensava che non sarebbe più ritornato dalla guerra, come era accaduto a suo fratello”. E il dialogo con Dio, di cui si avverte la presenza nella maestosità della natura così come nella povertà quotidiana, colma gli spazi di esistenze semplici, rese uniche dall’abilità narrativa dell’autore.

Posted on

LUZ, NOCCIOLO D’IMMORTALITA’

Il racconto semi-onirico di una quarantenne che si sviluppa nell’arco di un’estate, quella del 2001, tra le difficoltà quotidiane, il lavoro, la psiche, gli altri, nel tentativo di trovare una chiusura del cerchio.
Le alternanze dell’umore si spingono fino a scovare le risposte nella vita che si espande intorno all’io narrante: le persone che ci circondano, i libri che ci scelgono e che si fanno leggere, la Tv, il cinema, la musica e i sogni. Sempre in compagnia di un’affettuosa cagnolina di nome Rivqa.
Un’opera autobiografica, intensa, sincera, che trova un tentativo di soluzione nella convergenza dello stile di vita dell’autrice con quello di un’illustre protagonista della poesia statunitense, Emily Dickinson.

Posted on

PREMIO LETTERARIO “CITTA’ DI MONTEFIORINO” IV EDIZIONE 2018

PREMIO LETTERARIO “CITTÀ DI MONTEFIORINO”
IV EDIZIONE NAZIONALE 2018

Edizioni Terra marique è lieta di indire il IV Premio Letterario “Città di Montefiorino”.
Dopo il successo delle prime tre edizioni, prosegue il connubio culturale tra la casa editrice reggiana e la città appenninica.
Il concorso è riservato alle opere inedite: intendiamo valorizzare le opere stesse e creare un’opportunità di pubblicazione per narratori e poeti emergenti e appassionati di scrittura di qualsiasi età e provenienza.
L’edizione 2018 si arricchisce di importanti collaborazioni, volti nuovi in giuria, riconoscimenti di merito per ogni sezione.

Regolamento
Art. 1
Il concorso è diviso in quattro sezioni:
Sez. A – Romanzo inedito: senza limite di genere e lunghezza
Sez. B – Raccolta di racconti inediti: almeno 5 racconti senza limite di genere e lunghezza
Sez. C – Silloge di poesie inedite: almeno 10 poesie di massimo 40 versi ciascuna
Sez. D – Sezione riservata agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado delle province di Modena e Reggio Emilia: 3 racconti di massimo 4 cartelle editoriali (una cartella = 1.800 battute), scritti da ogni classe, sul tema “Noi siamo cittadini di…”

Art. 2
Il concorso è a tema libero. Non saranno ammessi scritti inneggianti a intolleranze civili o razzismo.

Art. 3
Gli autori possono partecipare a una sola sezione.
Possono concorrere opere che abbiano già partecipato ad altri premi letterari, anche in corso di svolgimento o già premiate, purché alla data di consegna dei premi siano inedite, ovvero non pubblicate singolarmente o in antologie che ne vincolino i diritti di pubblicazione. Le opere devono essere battute a macchina o a computer, senza esigenze particolari di formato, carattere e impaginazione.

Art. 4
I volumi e gli elaborati dovranno essere spediti alla segreteria del Concorso letterario/Redazione di Edizioni Terra marique (Via Radici in Monte, 21/H – 42014 Roteglia di Castellarano, Reggio Emilia) entro e non oltre il 31 maggio 2018 (farà fede il timbro postale, che attesterà il giorno della spedizione).
Sono richieste: 3 copie del Romanzo inedito, 3 copie della Raccolta di racconti inediti, 3 copie della Silloge di poesie inedite, 3 copie dei racconti per la sezione D rivolta a tutte le classi degli istituti primari e secondari di primo grado delle province di Modena e Reggio Emilia, sul tema “Noi siamo cittadini di…”.
La partecipazione al concorso implica l’accettazione di tutte le clausole del presente regolamento e la tacita autorizzazione alla divulgazione del proprio nominativo e del premio conseguito su quotidiani, riviste culturali e siti web. Le opere inviate non verranno restituite.

Art. 5
Gli autori sono invitati a spedire le loro opere all’indirizzo sopra indicato, riportando su almeno una copia i propri dati, completi di numero di cellulare e indirizzo di posta elettronica (che servirà per tutte le comunicazioni).
I partecipanti alla sez. D sono invitati a specificare classe, istituto di appartenenza e insegnante referente (di quest’ultimo specificare numero di telefono e/o indirizzo mail).
I dati personali, nel rispetto della legge sulla privacy, saranno utilizzati solo per le comunicazioni relative al concorso e per altre iniziative culturali ad esso connesse.

Art. 6
Gli autori che partecipano alle sezioni Romanzo inedito, Raccolta di racconti inediti e Silloge di poesie inedite resteranno gli unici possessori dei diritti d’autore sulla loro opera. Né la partecipazione né qualsiasi piazzamento vincolano alla pubblicazione dell’opera in oggetto.
Partecipando al concorso, gli autori dei racconti della sezione Premio speciale “Giovani Voci narranti” cedono a Edizioni Terra marique il diritto di pubblicare le opere in formato e-book, senza aver nulla a pretendere come diritti d’autore.

Art. 7
È prevista una quota di iscrizione di € 10,00 a titolo di rimborso spese di organizzazione e di segreteria. Tale quota dovrà pervenire tramite contanti, inseriti nel plico spedito alla segreteria stessa.
La spedizione degli elaborati è da effettuarsi a mezzo postale (semplice affrancatura o raccomandata). Si avvisa di non spedire tramite corriere espresso.

Art. 8
Premi
Sez. A – Romanzo inedito: editing del romanzo primo classificato, del valore di € 500,00 e diploma (a cura di un editor di Edizioni Terra marique)
Sez. B – Raccolta di racconti inediti: editing della raccolta di racconti prima classificata, del valore di € 500,00 e diploma (a cura di un editor di Edizioni Terra marique)
Sez. C – Silloge di poesie inedite: illustrazione grafica di 3 poesie della silloge prima classificata e diploma
Sez. D – Premio speciale “Giovani Voci narranti”: per la prima classe classificata un premio in denaro, del valore di 400,00 euro, da spendere in materiale didattico.
I racconti delle prime tre classi classificate saranno pubblicati in un libro formato e-book.
Le opere vincitrici saranno proclamate da una giuria composta da editor, scrittori ed esponenti del panorama culturale modenese e reggiano, il cui giudizio sarà insindacabile.

L’organizzazione si riserva il diritto di selezionare per ciascuna sezione ulteriori autori, ai quali verrà rilasciata una menzione di merito.

Art. 9
La premiazione avverrà in una data compresa tra l’ultima settimana di luglio e la prima di agosto 2018 a Montefiorino (MO), nella suggestiva cornice della Rocca. Ne sarà data comunicazione via e-mail a tutti i partecipanti una decina di giorni prima dell’evento.
I nomi dei vincitori, così come tutte le comunicazioni riguardanti il premio, saranno resi noti esclusivamente via e-mail. Per informazioni o domande, si prega di utilizzare l’indirizzo e-mail della redazione: info@edizioniterramarique.com.
I premi dovranno essere ritirati personalmente dagli autori o dai loro delegati il giorno della premiazione.
Attenzione: i diplomi non saranno spediti in nessun caso, nemmeno su richiesta esplicita da parte dei premiati.

Scarica il bando nazionale 2018 

SEZIONE D
RISERVATA ALLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE INFERIORI
DELLE PROVINCIE DI MODENA E REGGIO EMILIA

Le classi che intendono partecipare sono chiamate a scrivere tre racconti sul tema: NOI SIAMO CITTADINI DI…

In occasione della IV Edizione Nazionale del Premio Letterario “Città di Montefiorino”, Edizioni Terra marique, in collaborazione con Lapam, promuove una sezione esclusivamente dedicata alle scuole primarie e secondarie di primo grado delle province di Modena e Reggio Emilia (Sez. D del bando nazionale).
Le classi che intendano partecipare sono chiamate a scrivere tre racconti sul tema “Noi siamo cittadini di…”. Invitiamo gli insegnanti interessati a questo progetto a prestare attenzione ad alcune indicazioni di massima, in modo da fornire agli allievi linee guida utili alla stesura dei racconti.
I testi possono essere scritti come esperienze collettive, utilizzando il “noi”, oppure come esperienze individuali, utilizzando l’io narrante in prima persona singolare.
Non saranno in ogni caso premiati i singoli allievi, ma la classe nella sua collettività.

I temi di interesse, citati nella legge 107/2015, sono: “Lo sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica, attraverso la valorizzazione dell’educazione interculturale, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno all’assunzione di responsabilità, di solidarietà e di cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri. Sviluppo di comportamenti responsabili, ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali”.

Chiediamo che i racconti, in termini del tutto soggettivi e creativi, propongano storie ambientate nel proprio territorio, mettendo in evidenza usanze, tradizioni, patrimonio storico, artistico e naturale. Ci interessano storie che abbiano come protagonisti bambini e adolescenti con radici culturali diverse, accomunati dalla convivenza nello stesso territorio, e che raccontino le modalità di interazione, nei termini del rispetto e dell’accoglienza reciproca.  D’altra parte la scuola è il luogo privilegiato per lo sviluppo di competenze in materia di cittadinanza attiva, per l’educazione alla convivenza e alla costruzione di una collettività multiculturale.

Per educare a questa cittadinanza, una via privilegiata sono proprio la conoscenza e la trasmissione delle nostre tradizioni e memorie nazionali e territoriali. Ne è strumento la lingua italiana, che non è solo espressione del patrimonio culturale, ma è anche mezzo di accesso al sapere e alla comunicazione. La giuria premierà le storie che mettano meglio in luce i temi dell’identità, del dialogo tra culture diverse e dell’esperienza personale come esempio di partecipazione e convivenza in una società che la scuola contribuisce a costruire consapevolmente.

PREMI

Per la prima classe classificata Lapam offre un premio in denaro del valore di € 400,00, da spendere in materiale didattico.
racconti delle prime tre classi classificate saranno pubblicati in un libro formato e-book.

Le opere vincitrici saranno proclamate da una giuria composta da editor, scrittori ed esponenti del panorama culturale modenese e reggiano, il cui giudizio sarà insindacabile.

La partecipazione al Premio Letterario (sez. D) è gratuita.

LA SPEDIZIONE

I volumi e gli elaborati dovranno pervenire alla Segreteria del Concorso letterario/Redazione di Edizioni Terra marique (Via Radici in Monte, 21/H – 42014 Roteglia di Castellarano, Reggio Emilia) entro e non oltre il 31 maggio 2018 (farà fede il timbro postale indicante il giorno della spedizione, non la data di arrivo). La spedizione degli elaborati è da effettuarsi a mezzo postale (semplice affrancatura o raccomandata). Si avvisa di non spedire tramite corriere espresso.

Sono richieste: tre copie di ciascuno dei tre racconti per classe, da spedire in un’unica busta chiusa, specificando classe, istituto di appartenenza e insegnante referente (di quest’ultimo specificare numero di telefono e/o indirizzo mail).
I dati personali, nel rispetto della legge sulla privacy, saranno utilizzati solo per le comunicazioni relative al concorso e per altre iniziative culturali ad esso connesse. La partecipazione al concorso implica l’accettazione di tutte le clausole del presente regolamento (vedi anche bando nazionale) e la tacita autorizzazione alla divulgazione del proprio nominativo e del premio conseguito su quotidiani, riviste culturali e siti web. Le opere inviate non verranno restituite. Partecipando al concorso, gli autori dei racconti della sezione Premio speciale “Giovani Voci narranti” cedono a Edizioni Terra marique il diritto di pubblicare le opere in formato e-book, senza aver nulla a pretendere come diritti d’autore.

LA PREMIAZIONE

La premiazione avverrà in una data compresa tra l’ultima settimana di luglio e la prima di agosto 2018 a Montefiorino (MO), nella suggestiva cornice della Rocca. Ne sarà data comunicazione via e-mail a tutti i partecipanti una decina di giorni prima dell’evento.
I nomi dei vincitori, così come tutte le comunicazioni riguardanti il premio, saranno resi noti esclusivamente via e-mail. Per informazioni o domande, si prega di utilizzare l’indirizzo e-mail della redazione: info@edizioniterramarique.com.
I premi saranno riconosciuti come da regolamento indipendentemente dalla presenza o meno di uno o più rappresentanti delle classi vincitrici in occasione della premiazione. Auspichiamo comunque la partecipazione degli allievi scrittori, in modo che possano scoprire uno dei luoghi più significativi del nostro patrimonio storico locale.

Scarica il bando scuole 2018

INFORMAZIONI

info@edizioniterramarique.com
www.premioletterariocittadimontefiorino.it

Posted on

LA MESSA E’ INFINITA

“La Messa è infinita” è il lungo monologo interiore che accompagna il giovane avvocato Michele – alter ego dell’autore, ça va sans dire – durante un’intensa giornata di lavoro. Il protagonista si traveste da confessore ed è chiamato a confrontarsi con i problemi degli altri, interrogandosi sui limiti del proprio agire, sulla possibilità di essere loro d’aiuto.
Il romanzo affronta il tema del rapporto fra le tribolazioni umane e l’idea di Dio, il cui silenzio senza fine sembra tormentare il protagonista.
A dispetto di tematiche anche impegnative, l’autore non disdegna l’uso di un linguaggio che scivola con gusto nell’ironia e nella parodia, soprattutto quando si occupa della realtà contemporanea, scavando nel rapporto d’amore e odio con la sua terra.
Il finale maschera un’indagine psicologica in cui l’autobiografismo dell’autore assume contorni surreali.

Posted on

NON TUTTE LE ZUCCHE SI TRASFORMANO IN CARROZZE

Quando una donna cerca l’amore, nuota in un mare di comportamenti boicottanti. La favola di Cenerentola, che da piccole ci propinavano, non ci ha aiutato per niente. Per niente ci aiuta, tra l’altro, parlare con l’amica del cuore, che non vuole ferirci.
Allora, per piacere all’uomo che vogliamo conquistare, cosa dobbiamo fare? Leggere questo manuale, che ci aiuterà a trasformare noi stesse per ottenere ciò che davvero desideriamo.

 

Posted on

VOLI LIBRANTI

Raccolte di poesie Edizioni Terra marique

“Dicono che Dio sia più felice quando vede i suoi figli giocare”. Si esprime così il narratore nel film di Robert Redford La leggenda di Bagger Vance.
Ivana è una di quei figli che rallegrano Dio, perché gioca a fare teatro.
Così l’ho conosciuta, incontrando il suo corpo e il suo gesto nel gioco teatrale, gesto con decise e incrollabili caratteristiche di volo.
Così è lei: un volo librante.
Non mi stupisco, quindi, nel leggere il titolo della sua terza raccolta di poesie.
Ivana attraversa in volo anche la parola. Utilizza, nei versi di Primavera, una folla di “r”, suono d’aria per eccellenza, o “nuvole”, in Corse aeree, aprendoci l’anima alla natura, ai paesaggi, alle incursioni di una stagione nell’altra.
Non c’è alcun dubbio su quanto lei ami la natura, e sono certa che questa sia il luogo mitico e segreto nel quale trova gli echi delle sue poesie, tutte scritte in versi liberi, come se i binari della rima e della metrica fossero una costrizione.
Noto con sincera ammirazione quanto il suo amore per il cielo, la terra, l’oceano, gli alberi e tutto ciò che il Creato ci offre, sia il timone per diventare lei stessa natura selvaggia: in Pensieri di nuvola, si chiede se gli uccelli pensano a volare più alti, come se Ivana stessa fosse in preda al vertiginoso desiderio di volo.
Un volo, il suo, non sempre armonioso, talvolta ombreggiato dalle inquietudini di un animo artistico costantemente teso a cercare “altre ali”, e un “nuovo cielo”.
Sorrido a pensarla nei nostri giochi teatrali, quando si perde perché troppo staccata da terra, ma poi, con tenacia e volontà, si ritrova esplorando una nuova condizione gestuale, più terrestre e faticosa per la sua indole, come lei stessa afferma in Eterna danza: si perde / il pensiero / e sempre / si ritrova.
Teatralità, la sua, che onora con sguardo attento nel tracciare le emozioni sottese a un debutto, di qualche tempo fa, nascosta dietro una quinta a reclamare le nozioni dei sensi, allertati dalla particolare serata e tesi a descrivere un mondo sommerso e potente, preludio al silenzio carico di aspettative, raccontato in Quinte: un autentico tributo al nostro lavoro in scena.
La nostalgia di un’esistenza perfetta, vicina all’Eterno, la troviamo in molte sue parole, che racchiudono il desiderio di aggiustare / l’anima / con la delicatezza / dell’arte / orientale, in Kintsugi, perché la bellezza possa essere balsamo per le ferite; in realtà l’autrice non delega la perfezione solo alla natura o all’arte, conferendo così un carattere di curiosa intelligenza alle sue poesie, ma ci esorta con continui rimandi a un lavorio interiore, a un incessante scavo nell’animo, nei versi di Traguardi, quando, nella provvisorietà / degli eventi / piantare pali / di conquista / contro i contrari / venti…, diventa l’avventuroso passaggio di noi umani sulla terra, costi quel che costi.
Questo suo cuore coraggioso Ivana lo affida al vento, elemento gemello al quale abbandonarsi ciecamente, perché non sempre esso è contrario, ma, come lei sente e sintetizza con indomita e leggera sicurezza in Cantastorie: il vento / conosce / ogni storia / del mondo.

                                                          Marina Coli

Posted on

IL TESORO CHE SI CELA

“Alberto è un poeta sincero, cristallino. Un uomo che ha saputo fuggire dalle gabbie dell’imposta quotidianità, per ritrovare la trasparenza cognitiva dell’infanzia. Per evolversi nella felice dimensione del fanciullo che snoda le catene e s’inerpica coraggioso sugli scogli della fantasia per scoprire sirene seducenti, draghi dalle celesti squame, lingue avvolgenti di tentazioni sublimi, angeli che sussurrano all’orecchio, ermellini struggenti”.

                                                                                                                                              Dalla prefazione a cura di Mario Agati

Posted on

VINCITORI PREMIO LETTERARIO “CITTA’ DI MONTEFIORINO” 2017

Ecco gli attesissimi nomi dei vincitori
dell’edizione 2017

 

Sez. A – Romanzo inedito
Primo romanzo classificato:
“La vita di un altro” di David PoloSecondo romanzo classificato,
a pari merito:
Il profumo del tempo perduto
di Natale Vulcano
La grammatica dei sentimenti
di Greta Moreau
La finestra rivolta ad est
di Sabrina Gini

Terzo romanzo classificato,
a pari merito:
Nec tumultus nec solitudo
di Maria Luisa Cavalli
Il principe delle arene candide
di Massimo Granchi
Dentro l’anima” di Ida Daneri

Menzione speciale della giuria per il valore storico, culturale e sociale
al romanzo:
La dea incompresa
di Nadia Pasquale

Sez. B – Raccolta di racconti inediti
Prima raccolta classificata,
Ai miei eroi” di Dionigi Mainini

Seconda raccolta classificata,
a pari merito:
Le siecle bref. Cinque storie parigine
di Pietro Malagoli
Gli altri dove sono?” di Sergio Ragno
Luci spente” di Giovanni Mangarelli

Terza raccolta classificata,
a pari merito:
Sei racconti” di Romano Nigiani
Sembrava un cavallo ma era un cielo stellato” di Paola Iotti

Sez. C – Silloge di poesie inedite
Prima silloge classificata:
Silloge: 0” di Monica Vigolo

Seconda silloge classificata,
a pari merito:
Così ti ho guardato” di Rosy Gallace
Un amore isostatico” di Marcello Mattioli
Tutto in una notte” di Monica Gori

Terza silloge classificata,
a pari merito:
Vite” di Stefano Baldinu
L’erpice e la zolla” di Lorenzo Piccirillo
La mente e il cuore” di Mirco Bortoli

Sez. D – Premio speciale
Sezione riservata agli studenti delle province di Modena e Reggio Emilia
4 U e 5 U della scuola primaria “Matilde di Canossa” di Montefiorino

Complimenti a tutti!

 

Sabato 29 luglio 2017
dalle 17.30
si svolgerà presso la Rocca
di Montefiorino (MO)
la premiazione delle opere vincitrici,
seconde/terze classificate 

e menzioni speciali.

Ricordiamo che i diplomi devono essere ritirati di persona o da un delegato.
Invitiamo gli autori premiati a confermare quanto prima la loro presenza alla premiazione
tramite mail a:
info@edizioniterramarique.com

Pagine delle opere e poesie degli autori presenti saranno lette e accompagnate dalle note del flauto di Valentina Marrocolo.
Vi attendiamo numerosi nella suggestiva cornice della Rocca di Montefiorino,
ricordandovi che avrete la possibilità, tramite vostra personale prenotazione telefonica,
di partecipare alla cena,
che si terrà presso il Ristorante K2,
a due passi della Rocca
(menu tipico dell’Appennino modenese.
Per prenotazione: 0536/965669, specificando “tavolo premio letterario”).

Segnaliamo anche due B&B per l’eventuale pernottamento:
B&B Marconi
Piazza Marconi, 5
Montefiorino Centro
Tel. 366/2865127

B&B Le Peschiere
Via Peschiere 13
Montefiorino
Tel. 0536/974052

Sperando di incontrarci di persona alla premiazione,
restiamo in attesa di un gradito cenno di conferma.
La redazione